Sogna.Pensa.Crea

concorso nazionale
“manichino d’Oro”

Direttore: Doriano Pergolari

L’Accademia Nazionale dei Sartori, istituisce ed organizza il concorso nazionale “Manichino d’Oro” dedicato alla sartoria femminile, dal 2001 con cadenza biennale.

Il concorso vuole coniugare l’alta capacità artistica sartoriale e modellistica con l’estro creativo, espressione dell’alto valore artigianale e della capacità artistica del Made in Italy.

NORME GENERALI PER PARTECIPARE AL CONCORSO

  • Il sarto o la sarta stilista che desiderano partecipare al concorso nazionale “Manichino d’Oro” non possono aver superato il 40° anno d’età nel corso dell’anno solare precedente la data del concorso;
  • Devono essere cittadini italiani ed operare sul territorio nazionale;
  • L’iscrizione al concorso non prevede alcuna spesa e la domanda di partecipazione, redatta in carta semplice, dovrà essere spedita al Delegato Regionale dell’Accademia Nazionale dei Sartori della regione di residenza del candidato, oppure direttamente presso la Segreteria dell’Accademia Nazionale dei Sartori, via Boncompagni, 93 – 00187 Roma.
  • Nella domanda, oltre ai dati personali, indirizzo e recapito telefonico, dovrà essere allegato un breve curriculum contenente informazioni sulle proprie esperienze professionali e/o di studio.
  • Sono esclusi dal concorso gli stilisti che non sono in grado di tagliare e cucire un capo d’abbigliamento.

 

REGOLAMENTO

Le prove del concorso, che si distingue in due fasi, la prima a livello regionale, che accadrà nella regione di residenza, e la seconda a carattere nazionale, che si terrà per i vincitori delle singole prove regionali a Roma, in occasione dell’annuale manifestazione “Stile Accademia”, saranno così regolamentate:

PRIMA FASE

  1. Le Commissioni esaminatrici regionali saranno formate dal Delegato Regionale, dal Presidente o da un membro della Presidenza dell’Accademia, dagli accademici della regione interessata ovvero da accademici designati dalla Presidenza.

Ciascuna Commissione, nel suo seno, designerà il proprio presidente.

  1. La Presidenza dell’Accademia, con adeguato anticipo, informerà i Delegati Regionali sul tema del concorso e questi, a loro volta, ne informeranno i concorrenti.
  2. Le prove d’esame per le sezioni regionali consisteranno:
    1. Visione del capo già realizzato;
    2. Realizzazione di un modello su carta in scala reale;
    3. Breve colloquio di carattere tecnico.
  3. La Commissione esaminatrice, sotto la sorveglianza del suo Presidente, esaminerà e valuterà attentamente le prove cui sono stati sottoposti i candidati, con una votazione da sei a dieci e,al termine, stilerà un verbale, dal quale dovranno risultare:
    1. Elenco di tutti i partecipanti e relativa graduatoria;
    2. Eventuali osservazioni e considerazioni.

Il giudizio della Commissione sarà inappellabile.

  1. Il vincitore della selezione regionale parteciperà di diritto alla selezione nazionale che si svolgerà a Roma.
  2. Tutto il materiale occorrente per la realizzazione del capo e quant’altro necessario sarà a carico dei partecipanti.

SECONDA FASE

CONCORSO NAZIONALE

  1. I vincitori delle selezioni regionali, tramite il Delegato Regionale dell’Accademia Nazionale dei Sartori, del luogo di residenza, o direttamente dalla Segreteria dell’Accademia, saranno informati, con largo anticipo, sul tema prescelto e sul colore del tessuto per la selezione finale del “Manichino d’Oro”, nonché sulla data e luogo della prova.
  2. In occasione della selezione finale i candidati dovranno portare con se un capo parzialmente cucito, sulla base delle caratteristiche misure di un’indossatrice taglia 42, che sarà terminato e rifinito davanti alla Commissione d’esame, nella sede prescelta per la prova.
  3. I candidati dovranno realizzare, inoltre, un modello in carta, su scala reale, che verrà consegnato in busta chiusa; infine, i concorrenti sosterranno un breve colloquio di carattere tecnico e creativo, volto ad accertare il loro grado di preparazione sartoriale, le conoscenze sulla modellistica e l’estro creativo.
  4. L’imparziale svolgimento delle prove sarà assicurato dalla sorveglianza del Direttore Nazionale. Al termine dei lavori si riunirà la Commissione Esaminatrice Nazionale, composta di accademici ed esperti del settore. Il giudizio della Commissione ed i risultati finali saranno inappellabili.
  5. Al vincitore verranno assegnati, in forma solenne, l’artistico “Manichino d’Oro”, il      diploma in pergamena dell’Accademia Nazionale dei Sartori.
  6. L’abito primo classificato diventerà proprietà dell’Accademia Nazionale dei Sartori , che ne curerà il mantenimento e la custodia.
  7. L’Accademia si riserva il diritto di utilizzo di tutto il materiale pubblicitario per la sua divulgazione.

concorso nazionale
“forbici d’Oro”

REGOLAMENTO

SELEZIONE REGIONALE

1 ° L’Accademia Nazionale dei Sartori indice il Concorso Nazionale “Forbici D’Oro” quale riconoscimento verso il Sarto artigiano che abbia saputo mettere meglio in risalto lo stile, la capacità tecnica, l’estro creativo e il rigore formale della sartoria su misura.

2° Le domande di partecipazione dovranno essere inviate al Delegato Regionale della regione di residenza oppure direttamente all’Accademia Nazionale dei Sartori – Via Boncompagni, 93 -00187 Roma, che provvederà a trasmetterle ai Delegati competenti.

E’ stata creata la sezione  “Forbici d’oro Junior” con le stesse caratteristiche del tradizionale concorso.
3° Il concorso si svolgerà in due tempi.
1° Selezione Regionale – I candidati verranno esaminati nelle regioni di residenza.
2° Finale – La finale verrà effettuata a Roma, in data da destinarsi. A detto esame finale parteciperanno i vincitori delle selezioni regionali. Ossia un candidato per ogni regione.

4° Le commissioni esaminatrici saranno formate dal Delegato Regionale, o da un Vice Presidente o dal Presidente dell’Accademia, da Membri dell’Accademia della Regione interessata per quanto è possibile, altrimenti da membri dell’Accademia designati dalla Presidenza. La commissione nominerà il suo Presidente.
Il vincitore delle selezioni Regionali riceverà una artistica targa con la scritta l° classificato.
Tutti gli altri riceveranno un attestato di partecipazione.
Solo il primo classificato ha il diritto di partecipare alla selezione Nazionale delle “Forbici D’Oro” che si terrà a Roma, data da stabilire.

5° Le prove di esame per le selezioni regionali consisteranno:
a) nella presentazione di un capo possibilmente ultimato
b) in un colloquio di carattere tecnico commerciale per valutare il grado di cultura del candidato, sia per la parte commerciale attinente alla conoscenza dei tessuti, e al commercio degli stessi, che per accertare il grado di buon gusto, tecnica del taglio ed estro artistico, dati indispensabili che completano il patrimonio del sarto moderno.
c) il tessuto per la confezione del capo non sarà fornito dall’Accademia.

6° La commissione esaminatrice sotto la sorveglianza del suo Presidente esaminerà i lavori con la massima scrupolosità. Esaminati i lavori i membri daranno il proprio voto indicando da 6 a 10.

7° Le commissioni esaminatrice regionali, valutate attentamente le prove a cui sono stati sottoposti i candidati, stileranno il verbale nel quale dovrà risultare.
a) L’elenco di tutti i partecipanti con indirizzo completo;
b) la graduatoria dei primi tre classificati;
c) eventuali osservazioni da parte dei vari componenti la giuria.
Il verbale sarà firmato da tutti i membri della commissione, o almeno dalla maggioranza di essi e verrà mandato in una copia alla Presidenza dell’Accademia;
d) il giudizio della commissione è inappellabile.

CONCORSO NAZIONALE
“FORBICI D’ORO”

ESAMI FINALI

1° I concorrenti selezionati per l’esame finale riceveranno il tessuto per confezionare un abito. Il capo potrà essere lavorato nella propria sede fino alla seconda prova, con fianchi e spalle imbastite, i pantaloni potranno essere anche finiti,mentre non potranno essere finiti fianchi, spalIe, collo e l’attaccatura delle manIche.
I concorrenti riceveranno in tempo l’indirizzo, il n. telefonico e il nome dell’indossatore su cui confezionare il capo e  saranno informati del luogo dove presentarsi.
A Roma il laboratorio dei finalisti sarà sorvegliato solo ed esclusivamente dal direttore Nazionale per le “Forbici D’oro”.

2° I concorrenti terminato il lavoro manuale, saranno sottoposti ad un secondo esame tecnico.
Il tema sarà consegnato in busta chiusa che, solo all’atto dell’esecuzione, verrà aperta. I concorrenti verranno sottoposti anche ad un breve esame orale di carattere pratico e commerciale.

3° Terminati i lavori dei concorrenti si riunirà la commissione esaminatrice Nazionale, che sarà composta, “salvo eccezione”, dai Delegati Regionali.

4° La commissione Nazionale, sotto sorveglianza del Presidente della commissione stessa e del Presidente dell’Accademia, esaminerà i lavori con la massima scrupolosità.
I facenti parte della commissione esamineranno autonomamente il capo ultimato, alla mano e indossato, dando il proprio voto da 6 a 10. La stessa cosa farà per il disegno tecnico. La commissione nel dare il voto dovrà tenere conto anche del breve esame orale del concorrente.

5° I facenti parte delle commissioni non potranno votare per il candidato della propria regione.
* In caso di parità si aggiudicherà il premio il concorrente che avrà ottenuto più voti per il disegno tecnico. Questa clausola vale anche per la selezione regionale.

6° Il giudizio della commissione e il risultato finale sarà inappellabile.

7° Al primo classificato della sezione Senior verranno assegnate le tradizionali “Forbici d’Oro”, mentre al primo classificato della sezione Junior verrà assegnata un’artistica targa raffigurante le forbici d’oro.

Tutti gli altri verranno classificati secondi ex aequo e riceveranno, il diploma dell’Accademia Nazionale dei Sartori.
Il vincitore potrà sfoggiare sulla carta intestata e all’ingresso del suo atelier la dicitura  (Vincitore delle Forbici d’Oro) sezione Junior o Senior.

8° L’Accademia Dei Sartori pubblicizzerà i partecipanti alle selezioni e i finalisti, dedicando molto spazio su il “Maestro Sarto”, su altre riviste di categoria, su quotidiani, alla radio e alla televisione; pertanto l’Accademia Dei Sartori si riserva il diritto di tutto il materiale pubblicitario e della sua divulgazione.

Start typing and press Enter to search